Slovenia: l’ Isola di Bled e santuario di Maria

Secondo la leggenda, l’Isola di Bled, nel cuore della Carniola settentrionale, ebbe origine a seguito  di una punizione divina , perchè gli abitanti  del posto non si erano preoccupati  di delimitare con un recinto  la cappella della Madonna, che si trovava in mezzo ai prati,  per cui il bestiame che era al pascolo vi entrava e profanava il santuario.

L’isola ha subito il maggior numero di interventi nel secolo XVII. Risale a quell’epoca la nota scalinata sud con quasi cento scale, percorrendo le quali saliamo sulla piazzetta centrale con il santuario; difatti l’isola era meta di continui pellegrinaggi dei credenti, che di solito pernottavano nella casa del prevosto. Oggi è sicuramente una delle principali attrazioni d Bled, non solo per il santuario ma anche per la splendida vista di cui si può godere su tutto il circondario ed in particolare dell’imponente crostone di roccia sui cui si innalza il castello, altra meta da non perdere per chi visita Bled.

Il santuario di Maria

La cappella originale in legno fu probabilmente presto rifatta in pietra, per diventare una piccola chiesetta con la navata rettangolare a soffitto piatto e con la parte dell’altare a semicerchio di forma. Lo stile romanico venne sostituito con lo stile gotico verso la metà del secolo XV, le finestre divennero appuntite, con l’altare trilaterale e il soffitto probabilmente arcato a stella, dipinto con le scene bibliche. L’edificio in stile barocco di oggi è stato costruito nel 1698, conservando le vecchie mura, di cui sono testimonianza i resti delle aperture gotiche sulla facciata del sud.

Il santuario della chiesa ha una navata rettangolare a forma di vasca e un presbiterio a conclusione piatta, sotto il quale sono conservati i resti del santuario di più vecchia data, presentati nel progetto dell’architetto Tone Bitenc. Nel pavimento della navata si trovano alcuni sepolcri dell’ ottavo e nono secolo.R icordano lo stile gotico gli affreschi pittoreschi del presbiterio, che furono dipinti intorno al 1470, Le scene che sono state conservate raccontano la storia della Madonna. L’originale altare barocco, fatto presumibilmente intorno al 1465, non è stato conservato, eccetto per la statua di Maria con il Gesù, da ammirare sulla parete nord. L’allestimento attuale è del periodo barocco. Nella nicchia centrale c’è la statua di Maria, a destra e a sinistra invece, lo scultore ignoto aveva scolpito l’Imperatore Enrico II e sua moglie Cunigunda. Gli altri tre altari in pietra furono fatti nel laboratorio dello scultore lubianese Mihael Cussa, nel 1699.

La principale attrazione dell’isola per i numerosi visitatori del santuario sin dal Medio Evo è sicuramente la campana dei desideri, appesa nella torretta sopra il tetto della navata.

Secondo la leggenda, l’ avrebbe fatta fare una signora offrendo i suoi gioielli, per avere un ricordo di suo marito, ucciso dai briganti. Mentre la campana veniva trasportata sull’isola, la barca si capovolse e la campana finì in fondo al lago, da dove ancora risuona nelle notti stellate. La vedova infelice si ritirò in un convento a Roma e il Papa mandò in dono un altra campana; quando si prega la Madonna e si suona la campana, questa esaudisce tutti desideri.

Gli alberghi e centri benessere di Bled

Hotel Golf e Wellness ZivaHotel Park e Thai Center BledBest Western Hotel Lovec e Thai Spa CenterHotel Kompas
Hotel SavicaHotel RibnoGrand Hotel TopliceChateau e Hotel Lambergh
Vai all'elenco delle offerte degli alberghi di Bled
Telefono 0733 226517
delicious | digg | reddit | facebook | technorati | stumbleupon | savetheurl
This entry was posted in Escursioni e gite Slovenia, Lago di Bled. Bookmark the permalink.

Comments are closed.